Digital Storytelling

Lo storytelling legato ad un’azienda o ad un brand impone di far diventare la quotidianità una storia da raccontare, contribuendo a generare un forte legame sia internamente tra lo staff che esternamente con il pubblico.

Il mondo digitale, il web, si presta a diventare il medium naturale per lo storytelling grazie alla sua versatilità (testi, video, immagini). Ognuno può raccontare la propria storia grazie a facebook ai video di youtube al blog personale o al sito web. Con il vantaggio di essere potenzialmente raggiungibile in tutto il mondo a costi molto bassi rispetto a tutti gli altri media.

Qual è il futuro del digital storytelling?

Le storie attivano nella mente di chi le ascolta meccanismi che le fanno accostare a proprie esperienze a volte le fanno sembrare nostre: è il cosiddetto fenomeno dell’accoppiamento neurale.  Inoltre non ci immedesimiamo semplicemente nella storia che ascoltiamo ma anche nel narratore. Quando ciò avviene memorizziamo più facilmente e più a lungo.

I device mobili, gli smartphone sopra tutti, ampliano le tecniche dello storytelling digitale. Con la realtà aumentata ad esempio possiamo (o potremo) integrare la storia nella nostra vita reale o in futuro diventare un attore noi stessi. Potremo seguire una storia camminando in una città trovando sempre più informazioni o emozioni nel percorso.

Lo story telling è sempre esistito fin dai graffiti paleolitici ma oggi e poi domani, con le nuove tecnologie digitali verrà trasformato fino a poter diventare gli attori di queste storie, interagire con i nostri supereroi preferiti. Supereremo il confine tra finzione e realtà

I sette pilastri del digital storytelling:

1 punto di vista

Qual è il punctum della storia? e quale la prospettiva dell’autore? cosa vuoi ottenere con la tua storia? Informare? istruire? emozionare?

2 una domanda destabilizzante

Sottoponi al tuo utente una domanda capace di attrarre la sua attenzione e la cui risposta arriverà alla fine della storia. In questo modo otterrai la sua attenzione all’inizio e la manterrai fino alla fine.

3 contenuto emozionale

Anche un contenuto emozionale è in grado di catturare l’attenzione dell’audience. Sentimenti, memorie, nostalgie emozioni sono in grado di coinvolgere l’ascoltatore anche nella digital storytelling: prendono vita e connettono l’utente con la storia e quindi il brand.

4 la tua voce

Usare la propria voce (una voce umana) per raccontare permette di personalizzare la storia, renderla meno eterea e aiuta chi la ascolta a comprenderne il contesto. In questo modo puoi parlare letteralmente al tuo pubblico e trasmetter il tuo messaggio o la tua storia con il giusto tono.

5 Il potere di una colonna sonora

Una musica che faccia da sottofondo alla tua storia è importante ma deve essere adeguata e deve accompagnare l’ascoltatore verso le giuste emozioni. le emozioni che abbiamo deciso di andare a toccare.

6 parsimonia

Usa la giusta quantità di contenuti per raccontare la storia senza sovraccaricare l’utente di informazioni superflue e potenzialmente distraenti. Con troppe informazioni il rischio è di distrarre dalla storia e in definitiva di perdere l’attenzione dell’utente dalla tua storia.

7 L’andatura

Prediligi un andatura ritmata snella veloce. Il tempo che possiamo dedicare alle informazioni si è ridotto a causa dell’abbondanza di storie con le quali veniamo in contatto: andare troppo in profondità ridurrà l’engagement finale.